You are currently viewing Vendere un immobile ereditato

Vendere un immobile ereditato

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Blog / Vendita
  • Tempo di lettura:4 mins read

Condividi questo articolo:

Hai un immobile ereditato che stai pensando di vendere? Bene, sei arrivato nel posto giusto.

A seguito del decesso di un parente, ci si pone spesso il problema di come vendere l’immobile ereditato. 

Magari si è in tanti tra gli eredi e non è possibile beneficiarne al 100%, oppure semplicemente uno ha già un immobile di proprietà in cui vive. 

Ma è opportuno prestare attenzione ad alcuni aspetti che riguardano in modo specifico questo particolare tipo di compravendita.

Ci sono una serie di adempimenti che vanno assolti, in questo articolo vedremo quali sono. Perché può sembrare semplice ed immediato… ma non è così!

La nostra agenzia è situata a Scafati e siamo specializzati in case e appartamenti nella zona circostante, che tu debba vendere o comprare casa, chiamaci allo 081 2591 376​ per discutere della tua situazione.

La dichiarazione di successione

Partiamo dalle basi: la prima azione da compiere è quella che prevede l’apertura della successione.

Solitamente, avviene nel momento stesso in cui si verifica il decesso e nel luogo che costituiva l’ultimo domicilio del defunto.

Vi è poi la chiamata all’eredità, cioè l’individuazione di coloro che risultano essere gli effettivi beneficiari degli averi del de cuius con la relativa ripartizione del patrimonio.

La trasmissione agli eredi avviene secondo due modalità:

  • in presenza di testamento (olografo, cioè scritto personalmente dal defunto, oppure già depositato presso un notaio  si apre la successione testamentaria;
  • in assenza di testamento l’asse ereditario viene stabilito per legge in base a disposizioni ben precise (successione legittima) .

Si precede quindi alla cosiddetta dichiarazione di successione, un documento che va presentato all’Agenzia delle Entrate, con la quale si notifica il trasferimento dei beni agli eredi ai fini fiscali.

La dichiarazione di successione va presentata entro 12 mesi dal decesso, diversamente è previsto il versamento di sanzioni.

La dichiarazione serve a stabilire con precisione la composizione ed il valore di tutti i beni che rientrano nella successione e quindi a quantificare le tasse da pagare.

Attenzione: senza tale adempimento con il relativo versamento non sarebbe possibile procedere con la vendita di un immobile ricevuto in eredità.

Vendere casa con un'agenzia senza percentuali

La quantificazione delle imposte di successione variano a seconda del grado di parentela.

Vanno poi aggiunte, nel caso di un immobile ereditato, anche le spese che sono previste normalmente nelle regolari compravendite e cioè l’imposta ipotecaria (2% del valore catastale dell’immobile) e l’imposta catastale (1% del valore catastale dell’immobile).

Se almeno uno degli eredi può beneficiare delle agevolazioni prima casa allora tali imposte si applicano nella misura fissa di 200 €.

A tutto questo vanno inoltre sommate le imposte di bollo, tributi speciali e tassa ipotecaria.

Infine, per i beni immobiliari, entro 30 giorni dalla dichiarazione di successione, vanno presentate le domande di voltura catastale presso l’ufficio del catasto situato nella provincia dell’Agenzia delle Entrate a cui è stata inoltrata la dichiarazione di successione.

Ma arrivati a questo punto, siamo davvero pronti per poter vendere l’immobile?

E no, purtroppo bisogna procedere ad altri due adempimenti:

Accettazione e trascrizione

Dopo aver presentato la dichiarazione di successione, per poter vendere un immobile ereditato, è necessario procedere all’atto di accettazione dell’eredità.

Questo perché la sola dichiarazione presentata presso l’Agenzia delle Entrate non stabilisce di fatto l’accettazione da parte degli eredi dei beni ricevuti.

L’atto di accettazione di eredità può essere:

  • accettazione tacita, quando l’erede non predispone un atto formale, ma manifesta con i comportamenti assunti la sua volontà di accettare;
  • accettazione espressa (la scelta più sicura se si vuole concludere una compravendita immobiliare) quando si dichiara formalmente di accettare i beni.

Inoltre, si deve provvedere alla trascrizione dell’accettazione dell’eredità che certifica per tutti i soggetti coinvolti che la proprietà dell’immobile in oggetto è stata trasferita dal defunto al nuovo proprietario.

Abbiamo finito, adesso sei pronto per poter vendere l’immobile ricevuto in eredità.

Vieni a trovarci in agenzia e per approfondire il nostro modo di valutare e vendere le case, oppure chiamaci allo 081 2591 376​.

La nostra agenzia si trova in Via Martiri D’Ungheria 303 a Scafati, ti aspettiamo!

Condividi questo articolo: